BAMBINI DAVANTI A COMPUTER E TABLET: QUALI RISCHI PER GLI OCCHI?

Attualmente, bambini sempre più piccoli si approcciano all’utilizzo di computer e tablet sempre più presto.

l’utilizzo di tali dispositivi ,però, può comportare gravi danni agli occhi, infatti gli schermi televisivi, del computer o dell’iPad, sebbene non emanino radiazioni o campi elettromagnetici in grado di disturbare gli occhi, possono creare alcune problematiche indirette da considerare.

 

Per prima cosa l’attenzione che i monitor sollecitano, soprattutto in età pediatrica, comporta una minore frequenza dell’ammiccamento e questo induce un’alterazione cronica del film lacrimale e, dato che la cornea, il tessuto trasparente che si trova nella parte anteriore dell’occhio, si nutre attraverso l’ossigeno disciolto nelle lacrime non è infrequente che gli stessi videoterminalisti adulti lamentino bruciore, sensazione di corpo estraneo e arrossamento. Il bambino può manifestare atteggiamenti ticcoidi con necessità di contrarre le palpebre in maniera automatica ma compulsiva.

In secondo luogo l’attività ravvicinata a uno schermo (pc, iPad), comporta un costante sforzo di messa a fuoco, che sebbene nel piccolo sia meno costoso rispetto all’adulto, determina comunque un impegnativo stimolo accomodativo, soprattutto quando le immagini in movimento, come accade nei videogiochi, sollecitano tutta la muscolatura oculare interna ed esterna.

La conseguenza più comune è l’astenopia, la stanchezza visiva, che nel bambino può causare una pseudomiopia, ovvero una difficoltà a leggere da lontano pur in assenza di difetti veri e propri, perché il suo occhio rimane focalizzato sulla visione per vicino.

In ultima analisi non possiamo e non dobbiamo dimenticare che l’attrazione esercitata da queste apparecchiature comporta due ulteriori, serie, conseguenze: la sedentarietà, con l’associato maggior rischio di obesità già rilevato nelle nuove generazioni, e l’introversione dovuta al continuo, esclusivo e diseducativo rapporto con la realtà virtuale, che si accompagna invariabilmente a una scarsa propensione al contatto con i compagni di gioco e a un’indisponibilità alla relazione negoziale, non trascurabile elemento del crescere sociale.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...